Rinoplastica secondaria per correggere precedente rinoplastica
La paziente era stata operata all’età di 13 anni per deviazione del setto nasale ed ipertrofia dei turbinati inferiori.

All’età di 35 anni si rende necessaria una rinoplastica secondaria per correggere gli esiti estetici e funzionali della rinoplastica eseguità in età pediatrica:

  • piramide nasale a sella, a livello della regione valvolare e ruotata verso destra
  • scarsa proiezione della piramide nasale e della punta
  • persistenza di deviazione del setto nasale
  • ipertrofia dei turbinati inferiori
  • atresia coanale sinistra (rilevata con TC massiccio facciale e con l’endoscopia nasale) ossia una una malformazione congenita della cavità nasale (in questo caso un setto osseo) che consiste nella mancata apertura della fossa nasale verso la rinofaringe.

La paziente si è sottoposta ad intervento chirurgico per:
  • eseguire una correzione della deviazione del setto nasale residua (settoplastica) rimuovere il setto osseo che chiudeva la coana sinistra
  • ridurre il volume dei turbinati inferiori (decongestione con laser a diodi)
  • aumentare la proiezione della piramide nasale e della punta con innesti cartilaginei prelevati dal setto nasale e dal padiglione auricolare (conca).

Dal confronto delle foto prima e dopo rinoplastica secondaria emerge come i deficit estetici siano stati corretti.

La paziente ha poi ottenuto un ottimo beneficio respiratorio, soprattutto per la fossa nasale sinistra.

Dr. Enrico Dondè - chirurgo estetico specialista in correzione degli esiti delle rinoplastiche pediatriche

Segui Enrico Dondé su Google+
Rinoplastica estetica Rinosettoplastica funzionale
Rinoplastica non chirurgica - Rinofiller
Prima
Rinoplastica secondaria per correggere precedente rinoplastica
Dopo
Rinoplastica secondaria per correggere precedente rinoplastica