18-01-2018
Deviazione del setto nasale ed altre deformità

Cos'è il setto nasale e quale è la sua funzione

Il setto nasale è una parete di pochi millimetri di spessore che divide in due fosse nasali distinte la cavità nasale attraverso le quali, ed indipendentemente una dall'altra, passa l'aria che viene inspirata.

L'aria che entra da ciascuna narice viene diretta verso gola, laringe, bronchi e polmoni. Questi passaggi ristretti svolgono un'azione fondamentale di umidificazione, filtraggio e riscaldamento dell'aria.

Setto nasale: deviazione e deformità

Non è comune trovare un setto nasale perfettamente rettilineo. Un'altissima percentuale di persone presenta lievi deformità/deviazioni, che possono essere congenite, mal formative o dovute ad incidenti, che però non compromettono una buona respirazione.

Una percentuale molto più bassa però presenta difetti più marcati che sono la causa di ostruzione nasale.

Alcuni pazienti presentano solo la deviazione del setto nasale quale unica causa di ostruzione respiratoria; più frequentemente questa condizione porta ad un'alterazione del flusso d'aria inspirato che, dopo un certo tempo, genera l'ipertrofia dei turbinati inferiori (ci troviamo di fronte a rinite meccanica).

In situazioni di deformità importanti si creano addirittura dei punti di contatto tra il setto stesso e i turbinati. La mucosa nasale è sede di una reazione pseudo-infiammatoria e causa dolori facciali e cefalea (CEFALEA RINOGENA).

In altri casi la deviazione del setto può essere associata a deformità della piramide nasale, esteticamente spiacevoli.

L'intervento chirurgico

La deviazione/deformità del setto nasale si può correggere esclusivamente con un intervento chirurgico.

L'intervento (secondo il grado di deformità) sarà in anestesia locale, locale con sedazione o generale, in Day Hospital o con una notte di ricovero, senza l'utilizzo di tamponi nasali.

Nello stesso intervento vengono trattate eventuali altre patologie associate ad esempio:
  • ipertrofia dei turbinati; 
  • deficit delle valvole nasali;
  • polipi. 
L'obiettivo dell'intervento chirurgico è di:
  • ottenere una buona respirazione; 
  • diminuire i dolori facciali; 
  • diminuire la cefalea rinogena. 
Nel caso si debba correggere anche la parte esterna si eseguirà un intervento di RINOSETTOPLASTICA per ritrovare equilibrio tra estetica e funzionalità del naso.

La perforazione del setto nasale

La perforazione settale è un vero e proprio "buco" del setto nasale. Può essere causato da interventi chirurgici, ripetute causticazioni per sanguinamento, uso di cocaina, utilizzo di vasocostrittori nasali, esposizione frequente a sostanze tossico-irritanti o infine anche da alcune malattie autoimmuni (sarcoidosi, Wegener, lupus eritematoso sistemico).

La perforazione del setto nasale è causa di molteplici disturbi (rischio di infezioni batteriche, secchezza della mucosa nasale, sibilo inspiratorio, formazione di croste, sanguinamento). Inoltre si possono creare deformità estetiche poichè la cartilagine perforata non sostiene più la piramide nasale.

Se la perforazione porta ad uno dei disturbi sopra elencati è opportuno sottoporsi ad un intervento chirurgico riparativo.

Per risolvere questo problema si può ricorrere a semplici otturatori, lembi muco-pericondrali e/o muco-periostei (che si ricavano dalla stessa cavità nasale) oppure ad autotrapianti (ad esempio cartilagine auricolare o costale, fascia temporale).
Se la perforazione settale è digrandi dimendioni la chirurgica spesso porta a risultati parziali che, in ogni caso, possono ridurre i fastidiosissimi sintomi avvertiti.